Quali sono i rischi più comuni in piscina?

I rischi più comuni in piscina: come cautelarsi

Sono molte le persone che amano trascorrere il loro tempo libero nuotando in piscina, altre hanno scelto il nuoto come sport per i loro figli a motivo dei benefici che esso genera. Infatti alcuni amano nuotare in piscina perché questo li rilassa e li aiuta a scaricare lo stress quotidiano.

Per altri è solo un esercizio fisico da rispettare per mantenersi in forma, gli amanti del mare invece, non possono farne a meno nei periodi invernali o se abitano lontano dalle spiagge. Che fare regolarmente una nuotata in piscina sia salutare è fuori dubbio, tuttavia occorre tener presente alcuni rischi che si possono incontrare, in modo da poter trovare delle soluzioni e cautelarsi. Questo vale per chiunque, occasionalmente o regolarmente frequenti le piscine, a maggior ragione per chi accompagna i propri figli.

Molti di questi rischi sono purtroppo sottovalutati o non considerati come dovrebbero, invece vanno conosciuti ed evitati il più possibile. Questo farà in modo che una nuotata in piscina sia fonte di divertimento e di forma fisica senza correre rischi inutili.

Quali sono i rischi più comuni in piscina?

I pericoli più frequenti, ma spesso e volentieri sottovalutati sono quelli fisici. Molti si divertono in modo incosciente non pensando minimamente ai pericoli che hanno difronte, questo provoca regolarmente un gran numero di incidenti in piscina. Alcuni degli incidenti sono anche gravi, quindi la regola primaria per nuotare in piscina è la prudenza e il rispetto delle regole.

Tralasciando questo aspetto ci sono altri pericoli in agguato nelle piscine: infezioni, funghi, irritazioni e congestioni.

Trattamento funghi per la piscina

Sia ben chiaro che con i dovuti accorgimenti non ci dovrebbero essere problemi. Tuttavia la piscina è il centro di un cospicuo numero di batteri e virus intestinali, che possono provocare diversi disturbi come diarrea, vomito ed in alcuni casi perfino l’epatite b. Questo è a motivo del gran numero di persone concentrate all’interno della vasca, ognuna delle quali è potenzialmente veicolo di agenti patogeni.

Oltretutto l’ambiente umido della piscina favorisce lo sviluppo di funghi, batteri e virus.

Innanzitutto è fondamentale farsi una doccia prima di entrare in piscina, ma è bene considerare che se si soffre di alcuni disturbi intestinali sarebbe il caso di evitare la nuotata per non rischiare di infettare altri.

Per evitare germi e funghi è indispensabile l’utilizzo di ciabatte nel tragitto che ci porta alla vasca, ed evitare di sedersi o sdraiarsi nei bordi della piscina senza un telo da mare personale.

Indossare le ciabatte permetterà anche di non incorrere nelle verruche. Prima di tuffarsi, oltre ad indossare la cuffia, potrebbe essere utile controllare visivamente che l’acqua sia limpida e che non presenti segni di impurità.

I più scrupolosi hanno anche il diritto di chiedere ai responsabili se l’acqua sia stata disinfettata e a che ora, evitando così di tuffarsi subito dopo l’azione degli agenti chimici. A rendere l’acqua della vasca pura per i nuotatori, è l’utilizzo del cloro. Questo disinfettante che conosciamo molto bene è molto potente, infatti riesce a sconfiggere in un breve lasso di tempo tutti i virus che possono crearsi all’interno della vasca.

Tuttavia è proprio il cloro a rappresentare una notevole seccatura per molti. Infatti esso provoca a volte delle irritazioni cutanee e agli occhi, è anche per questo che si rende fondamentale l’utilizzo degli occhialini durante la nuotata.

Una volta finito l’allenamento in vasca è importante lavarsi abbondantemente e sciacquare dovutamente i capelli con detergenti appositi, che a contatto con il cloro possono scolorirsi e seccarsi. Dopo la nuotata può essere utile l’uso di un collirio idratante. Chiaramente per evitare mal di stomaco a causa del cloro e ridurre al minimo il rischio di virus è fondamentale cercare di ingerire meno acqua possibile durante la nuotata.

Insomma, nuotare in piscina è un piacere, e come tale deve essere fatto con la massima serenità, valutando però i rischi a cui possiamo incorrere.

Se non si seguono determinate regole e non si prendono i giusti accorgimenti possiamo farci male, oppure incappare in qualche fastidiosa irritazione o in qualche virus intestinale poco piacevole.

Piccole regole per evitare i rischi più comuni della piscina

Ricapitolando, farsi una doccia prima di entrare in vasca, indossare le ciabatte nel tragitto e utilizzare un telo da mare personale, sono solo piccole accortezze ma fondamentali. Controllare che l’acqua sia almeno visivamente pulita e allontanarsi da essa in caso si noti anomalie o un rilascio di materiale organico sono accorgimenti altrettanto importanti.

In caso si accompagni bambini piccoli è importante che vengano controllati, in quanto il rischio di annegamento non va sottovalutato. E’ vero, i rischi sembrano molti, ma in realtà con poche e semplici cautele possiamo nuotare in tutta sicurezza e tranquillità, godendoci una sana attività fisica e il giusto relax.