Cosa portare per i bambini in piscina?

Cosa portare per i bambini in piscina?

I tuoi bambini hanno sempre voluto frequentare un corso di nuoto in piscina? Sono curiosi nei confronti dell’acqua e vogliono diventare delfini provetti?

Ottimo! Il nuoto è uno sport perfetto non solo per gli adulti ma anche per i bambini, che lo trovano divertente e appassionante, capace al contempo di potenziare tante diverse abilità fisiche, la disciplina e la concentrazione.

Prima della lezione però, dovrete preparare la borsa per la piscina. Vediamo quindi cosa bisogna acquistare e come organizzarsi per non arrivare all’impianto sportivo e scoprire di aver dimenticato qualcosa a casa.

> Se il tuo bimbo è molto piccolo vedi l’articolo su Neonati e piscina

Il costume

È ovviamente lo strumento più importante per gli apprendisti nuotatori. Accompagna il tuo bimbo in un negozio di articoli sportivi e fai scegliere a lui il colore e la stampa che preferisce: essere coinvolto nella scelta lo invoglierà ad andare in piscina con più entusiasmo.

La maggior parte dei costumi sono in lycra, un materiale sintetico morbido, elastico e che asciuga velocemente. Controlla la composizione sull’etichetta se il tuo bimbo soffre di allergie cutanee: alcune stoffe sintetiche non sono indicate per questo tipo di problematiche.

In alcuni casi per le bambine possono essere richiesti costumi interi olimpionici (cioè con un foro sulla schiena e le spalline incrociate), più adatti per lasciare liberi i movimenti. Segui le indicazioni che ti saranno fornite dall’istruttore.

La cuffia

È raro che piscine in cui si tengono corsi di nuoto non richiedano l’uso della cuffia. Ne esistono di tre tipi, essenzialmente:

  1. in stoffa: leggere e morbide, sono facili da indossare ma non possono contenere i capelli se molto lunghi. Inoltre, il materiale consente il passaggio dell’acqua, quindi se preferisci che non accada per evitare che il cloro rovini i capelli, o in caso di cute iper-sensibile, non sono la soluzione ideale;
  2. miste: l’interno di queste cuffie è in stoffa, mentre l’esterno in silicone. Combinano i vantaggi di entrambe le tipologie, non facendo bagnare i capelli ma essendo anche facili da indossare da soli;
  3. il silicone o lattice: sono le più utilizzate in piscina. Non sono molto facili da indossare da soli, e se la tua bimba ha i capelli lunghi dovrai studiare un modo di legarli perché non escano e non la infastidiscano. Hanno come vantaggio, se messe ben aderenti anche sulle orecchie, di non far bagnare quasi per nulla i capelli.

> Vedi anche l’approfondimento su come scegliere la cuffia da piscina

Occhialini, tappa-naso e tappi per orecchie

L’uso di questi accessori dipenderà molto dal carattere dei tuoi bambini, quanto possano o meno trovarli fastidiosi: il primo incontro con occhialini, tappa-naso e tappi per le orecchie è sempre un po’ traumatico, specie per i più piccoli. Il consiglio è quello di proporli più volte ma lasciando i bambini liberi di scegliere. Lo sport è anzitutto divertimento, iniziare con le costrizioni non è il modo migliore per farli appassionare.

Se sono già abituati al nuoto e un po’ più grandi, è probabile che servano almeno un paio di occhialini. Scegline un paio che possano provare in negozio. Devono essere aderenti ma non compressivi, avere la fascetta regolabile per potersi adattare alla crescita e lenti abbastanza limpide da vedere con chiarezza il fondale.

Tappa-naso e tappi per orecchie sono prodotti molto specifici. Se il tuo bambino lamenta di avere dolore alle orecchie dopo il nuoto potrebbe aver bisogno di queste speciali palline in cera o silicone da usare per non far entrare acqua nel padiglione auricolare.

Il tappa-naso è una piccola molla che si posiziona sulle narici per non aspirare acqua, neanche durante le acrobazie più sfrenate. Sarà indispensabile se intendi far frequentare, ad esempio, un corso di nuoto sincronizzato.

I bambini più piccoli e i neonati probabilmente si divertiranno come matti anche senza questi accessori, quindi l’acquisto sarà discrezionale a seconda di possibilità ed esigenze.

Le ciabattine

Per evitare infezioni e micosi sarà necessario indossare le ciabattine di plastica per tutta la durata della permanenza in spogliatoio e a bordo vasca. Non toglierle nemmeno sotto la doccia, stai attento che si cambino con i piedi appoggiati ad un asciugamano e fai riporre le ciabattine proprio vicino alla vasca, così da poterle rindossare subito appena usciti.

Scegli un modello facilmente lavabile e con la suola abbastanza alta da non far toccare con i lati del piede il pavimento.

Accappatoio e asciugamani

Puoi utilizzare sia quelli in spugna che quelli in microfibra.

Asciugamani ed accappatoi in microfibra hanno il grande vantaggio di essere leggeri, sottili e pratici da trasportare anche in borse di dimensioni contenute, e di asciugarsi molto rapidamente. Vista la loro popolarità non sono nemmeno più costosi degli asciugamani e accappatoi tradizionali.

Metti in borsa diversi asciugamani, almeno uno per i capelli e uno da appoggiare a terra per cambiarsi, ben distinti.

Se non vuoi utilizzare un asciugamano da posare sul pavimento, nei negozi per sportivi esistono in vendita piattaforme in plastica rivestita di stoffa da usare per questo scopo. La copertura può essere rimossa e lavata per assicurare una maggiore igiene.

Giocattoli ed accessori

In molti corsi giocattoli ed accessori sono a disposizione dei clienti e fornite dagli istruttori durante la lezione.

Se però così non fosse, o se volessi andare in piscina con il tuo bambino senza frequentare un corso, potresti dover acquistare qualche giocattolo e strumento per variare gli esercizi.

I più diffusi sono tavolette, pull-buoy e tubi galleggianti.

Tutti sono composti da una schiuma espansa leggera e galleggiante, ma vengono usati per diversi esercizi. La tavoletta è piatta, con due fori per le mani. Si usa per esercizi che tengono la testa fuori dall’acqua o che fanno lavorare solo le gambe.

Il pull-buoy è un attrezzo a forma di otto: si può usare sia tra le mani, sia tra le gambe incrociate per nuotare solo con le braccia, sia “spinto” in avanti tra le braccia senza venire toccato come negli esercizi per la pallanuoto. È l’alleato ideale per migliorare forza e postura.

Se il tuo bimbo invece è molto piccolo, o è la prima volta che si approccia al nuoto, potrebbero servirti altri strumenti, come braccioli o giubbini per l’acquaticità. Entrambi aiutano il galleggiamento, sconfiggendo la paura di finire sott’acqua.

Esiste poi una enorme gamma di giocattoli per esercitarsi nel nuoto in modo divertente: palline e palloni gonfiabili, anelli colorati da recuperare sul fondo, bastoncini galleggianti da lanciare e far recuperare il più velocemente possibile, animaletti. Sbizzarrisciti!

Chiedi al tuo bimbo che tipo di giochi vorrebbe fare e orienta la scelta in quel senso. Verifica sempre la qualità dei materiali, specie se conti di usarli con neonati o bambini molto piccoli: devono essere privi di parti staccabili eccessivamente piccole e colorati con sostanze atossiche.

Il beauty-case perfetto per i piccoli nuotatori

Ovviamente dopo il nuoto bisognerà fare la doccia. Procurati shampoo e balsamo delicati, che non bruciano gli occhi e che prevengano i danni del cloro sui capelli.

Usa anche un bagnoschiuma antibatterico, che ti aiuti a prevenire le infezioni da funghi, molto diffuse in ambienti umidi come le piscine.

Ricordati anche di portare una spazzola o un pettine e il phon, magari da viaggio, compatto e maneggevole, se l’impianto non ne è dotato.

Nel beauty dovrai infilare anche un piccolo lucchetto per chiudere l’armadietto. Lega la chiave ad un cordino o un elastico per portarla al polso o legarla al costume.

Come faccio a ricordare tutto?

Puoi fare una lista di tutti gli oggetti, magari divisi in categorie (beauty-case, giocattoli, indumenti), per te, per i nonni o per la babysitter che accompagneranno il tuo bambino in piscina.

Se il bimbo è già un po’ più grande puoi attaccare la lista, scritta in un post-it, nella sua stanza e aiutarlo a seguirla per preparare la borsa, o plastificarla e segnarci sopra, con un pennarello cancellabile, quello che è già stato inserito nello zaino. Tienine una copia anche tu per essere certo di non dimenticare niente nello spogliatoio dopo la lezione.

Essere resi più indipendenti e responsabili li farà sentire maturi, cresciuti, e li invoglierà ogni settimana ad andare in piscina con più coraggio!