Doccia in piscina: come proteggersi da cloro, funghi e verruche

Come abbiamo visto nell’articolo inerente alla cura dei capelli dopo gli allenamenti in piscina, l’acqua e il cloro creano un mix potenzialmente dannoso per i capelli ma anche per la pelle: il cloro, infatti, è composto da sostanze disinfettanti utili alla pulizia e alla depurazione dell’acqua. Tali sostanze privano la pelle della sua protezione naturale contro gli agenti esterni e aumentano la probabilità di infezioni batteriche e virali.

Per questo motivo, chi pratica nuoto è più soggetto alla nascita di funghi e verruche in varie parti del corpo e deve seguire alcune buone norme di igiene durante la doccia in piscina.

Lavarsi subito dopo l’allenamento

Appena usciti dalla vasca, occorre subito eliminare il cloro dalla pelle: una volta sotto la doccia, sciacquarsi con acqua tiepida utilizzando prodotti per la pulizia del corpo poco schiumosi e non aggressivi: l’uso di detergenti delicati è altamente consigliato, soprattutto quelli che favoriscono il ripristino della barriera idrolipidica e stimolano la produzione di collagene ed elastina. Questo sistema di lavaggio ci aiuta a proteggere efficacemente la pelle dagli agenti infettivi, donandole anche tono ed elasticità.

Detergente delicato da usare dopo la piscina

Considerando che, una volta fuori dall’acqua, non è di pulizia reale quello di cui abbiamo bisogno, uno dei migliori prodotti per la cura della pelle dopo la piscina è A-Derma Gel. Presente in versione da 250ml su Amazon al costo di 17,30 € , questo detergente è ottimo per combattere le irritazioni cutanee dovute proprio al cloro.

DETERGENTE DELICATO PER LA PISCINA

Utile sia nei bebè che negli adulti e nei bambini, è uno dei migliori prodotti in assoluto per lavarsi dopo la piscina.

Asciugarsi con delicatezza

Una volta terminata la doccia, non strofinate energicamente l’asciugamano o l’accappatoio per asciugarvi. Al contrario, siate molto delicati, utilizzando uno dei due teli come tamponi. Quando l’operazione è terminata, applicate una crema idratante su viso e copro.

Occorre prestare particolare attenzione alle piaghe interditali e inguinali: solitamente sono le parti che si tende a sorvolare e sono proprio quelle dove i funghi attaccano di più.

Prevenire funghi e verruche

L’incubo di chi pratica nuoto: funghi e verruche. L’insorgere di questi ospiti sgraditi sul corpo desta molte preoccupazioni ma,soprattutto, fastidi. Eppure sono facilmente prevenibili ed evitabili se vengono prese accortezze prima, durante e dopo gli allenamenti in piscina:

  • Indossare le ciabatte, sia negli spogliatoi che nella doccia e sia a bordo vasca;
  • non scambiare mai il proprio asciugamano o accappatoio con altri;
  • evitare l’uso di saponette altrui;
  • non poggiare il corpo sulle pareti della doccia.

Verruche genitali

Non strettamente collegate al nuoto, le verruche genitali sono una problematica che nella maggior parte dei casi è asintomatica, anche se nel caso in cui le verruche dovessero crescere, potrebbero dare adito a bruciori e fastidio.

Leggi il nostro approfondimento sulle verruche genitali, come curarle e come prevenire.

TRATTAMENTO V9 PER LE VERRUCHE GENITALI

Altri piccoli accorgimenti

Per la doccia in piscina vanno anche bene un normalissimo doccia shampoo, purché delicato, e un normale balsamo per i capelli.

E’ importante idratare la pelle dopo aver fatto piscina e dopo essersi asciugati. Un buon alleato sono gli oli per il corpo, oppure il burro di karitè o ancora quello di cocco. Se notate secchezza nonostante l’uso degli oli, allora potete scegliere una crema idratante, che avrà al suo interno anche ingredienti idratanti e nutrienti.

Scegliamo indumenti intimi in fibre naturali, come il cotone. Dunque, si al calzini ma non ai collant, scegliamo magliette intime 100% cotone, preferibilmente di colore bianco. Dopo una nuotata in piscina le mucose della pelle sono più stressate, perché rendergli la vita ancora più difficile?