Il Nuoto alle Olimpiadi: Storia e Novità Rio 2016

Il nuoto è una delle discipline olimpiche sin dalla prima edizione dei giochi olimpici moderni, Atene 1896. Fino al 1973 erano proprio le Olimpiadi ad essere l’unico vero panorama mondiale per questo sport (che è stato sempre un po’ sottovalutato da questo punto di vista): proprio in quell’anno è stato organizzato, infatti, il primo campionato mondiale.

Da allora, però, il nuoto si è preso una bella rivincita e oggi sono tantissime le persone che lo seguono, anche dalla TV, durante i vari campionati europei e mondiali.

Il nuoto alle Olimpiadi

Le gare in programma per le Olimpiadi, per quanto riguarda il nuoto, sono 34 in totale (prima dell’edizione di Londra 2012 erano invece 30 in totale) di cui 17 femminili e 17 maschili. Fonte Wikipedia.

Andando a spulciare un po’ la storia del nuoto alle Olimpiadi, vediamo questi interessanti numeri:

  • il maggior numero di atleti partecipanti è stato 1.022 (Pechino 2008)
  • il maggior numero di paesi in gara è stato 167 (Londra 2012)
  • ad Atene 1896 si sono svolte solo 4 gare in totale, per un totale di 13 atleti e 4 paesi
  • la miglior nazione in assoluto, nella maggior parte delle edizioni, sono stati gli Stati Uniti d’America
  • la Grecia, la nazione dove sono nate le Olimpiadi, non ha mai vinto il titolo di migliore nazione per il nuoto. L’Italia neanche.
  • per la prima volta si sono tenute oltre 10 gare di nuoto, in una competizione olimpica, ad Anversa 1920
  • si è superato il numero di 20 gare nella competizione a Città del Messico 1968 (29 in totale)
  • si è infine superato il numero di 30 gare nella singola competizione olimpica a Seoul 1988 (31 in totale)

Nel medagliere complessivo, invece, troviamo questa classifica:

  1. Stati Uniti d’America (232 ori, 162 argenti, 126 bronzi)
  2. Australia (57 ori, 63 argenti, 63 bronzi)
  3. Germania Est (38 ori, 32 argenti, 22 bronzi)

L’Italia si trova al 17° posto con 4 ori, 4 argenti e 10 bronzi

Elenco delle gare di nuoto a Rio 2016 (olimpiadi del Brasile)

Ecco l’elenco completo delle gare, sia maschili che femminili, che verranno disputate alle Olimpiadi di Rio 2016:

  • 50 m stile libero
  • 100 m stile libero
  • 200 m stile libero
  • 400 m stile libero
  • 1.500 m stile libero
  • 100 m dorso
  • 200 m dorso
  • 100 m rana
  • 200 m rana
  • 100 m farfalla
  • 200 m farfalla
  • 200 m misti
  • 400 m misti
  • 4 x 100 m stile libero
  • 4 x 200 m stile libero
  • 4 x 100 m misti
  • maratona 10 km

L’Italia a Rio 2016

Cosa aspettarci dall’Italia a Rio 2016? Quali saranno i protagonisti della spedizione azzurra oltreoceano?

Sicuramente un buon metro di paragone è quello con il mondiale russo del 2015, dal quale abbiamo avuto sia ori, che argenti, che bronzi. In totale 5 medaglie che si possono ripetere tranquillamente anche a Rio 2016.

> Nuotatori italiani qualificati a Rio 2016

I nostri atleti di punta sono indubbiamente Gregorio Paltrinieri e Federica Pellegrini. La Pellegrini, insieme a Alice Mizzau, farà parte anche del quartetto rosa del nostro nuoto, con gli ultimi due posti che devono ancora essere definiti.

Oltre agli eroi di Kazan 2015, però, ci sono anche altri giovani che possono dire la loro. Tra loro vediamo Simone Sabbioni, un eccellente dorsista che sta facendo una buona carriera e potrebbe arrivare anche alla batteria finale, e Gabriele Detti, un mezzofondista che dopo dei guai fisici è quasi al top e che sta lavorando duro per essere al 100% proprio a Rio.

Dal nuoto potrebbe arrivare anche un’altra bella soddisfazione, ovvero l’atleta che sarà portabandiera per la nostra nazionale. La Pellegrini è la candidata per il nostro sport, oltre a lei ci saranno Tania Cagnotto, Aldo Montano, Giovanni Pellielo e Clemente Russo. Tra i vari, in testa c’è proprio la Pellegrini, che avrebbe dovuto essere portabandiera a Londra 2012, onore rifiutato perché la cerimonia precedeva la sua gara di apertura.

Intanto arrivano belle notizie anche dall’Italia di fondo, quella che si occuperà di portare alto l’onore dei nostri colori sulla 10 km, sia maschile che femminile. Gli allenamenti dei nostri atleti si è svolto già in giro per il mondo, tra Sudafrica e Argentina, e lo scorso 8 febbraio i nostri candidati sono partiti alla volta di Rio per saggiare le acque brasiliane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *